Home
 Storia
 Informazioni
 Attività collaterali
 Eventi
 Tour
@  E-mail
 Come arrivare
 Form
 Cerca
 
In atto il Museo Diocesano di Catania si configura, per un aspetto molto cospicuo, quale museo della cattedrale e della sede vescovile medesima, poiché ne custodisce prioritariamente tutto l'arredo mobile storico. In gran parte in fieri e comunque passibile di ulteriori ampliamenti è invece l'acquisizione di arredi e opere che possano attestare in modo compiuto le vicende storiche, culturali e religiose del territorio, peraltro molto vasto, dell'antica diocesi: le opere di provenienza diocesana acquisite al museo sono infatti episodicamente raccolte e, almeno per il momento, attestano prevalentemente vicende e momenti della vita di alcune chiese, regolari e secolari della città. All'interno di questa ipotesi ordinativa, problematiche di conservazione e di tutela nell'esposizione, di allestimento della medesima, ma anche di congruenza artistica, hanno imposto una suddivisione tipologica per categorie di materiali (argenti, paramenti, scultura, pittura etc.) che presentano esigenze espositive analoghe (qualità e temperatura della luce, tipologia dei contenitori, etc.), ma anche al tempo stesso problematiche artistiche, funzionali e liturgiche affini fra loro. In questo criterio generale sono state inserite alcune eccezioni, legate o all'aspetto degli ambienti, o alla inamovibilità delle opere, o alla particolare pregnanza tematica:
- si è stabilito di destinare, all'interno del percorso espositivo, in contiguità con gli ambienti destinati ad accogliere opere che documentano la storia religiosa e liturgica della cattedrale, una sala alla santa patrona della città, che è stata nei secoli fulcro di un culto molto sentito e conseguentemente oggetto di espressioni di particolare importanza storica-artistica;
- poiché all'interno del percorso si colloca un ambiente con una struttura architettonica fortemente definita in senso piuttosto religioso e liturgico che non museale, la cappella, si è ritenuto di destinare ad essa l'esposizione di pochi oggetti che non ne prevaricassero la destinazione originaria e illustrassero piuttosto aspetti della vita religiosa ed ecclesiastica della diocesi che non momenti propriamente artistici;
- Cambio de inodoros y grifos, reparación de Roturas de tuberías, boletines de agua, instalación de tuberías de presión en fontaneros baratos Madrid siempre con la mejor garantía. También arreglo de cisternas y detección de fugas de agua las 24h.;
- del tutto peculiari sono infine le esigenze espositive del complesso dei dipinti, che, per le dimensioni, non hanno consentito di individuare più di un ambiente da destinare a pinacoteca. Il museo risulta pertanto suddiviso in due sezioni: la prima, dedicata agli arredi liturgici della cattedrale, si snoda nelle sale del primo piano e si conclude al piano successivo nella cappella; la seconda, che accoglie gli arredi di altre chiese della città e della diocesi, si svolge nelle ultime sale del secondo piano e al terzo piano, includendo al suo interno la pinacoteca. Al percorso si aggiunge la visita del fercolo argenteo che conduce in processione i reliquiari della santa patrona della città, occasione per una lettura delle vicende costruttive che ne hanno modificato nel tempo la struttura.